FEBBRAIO 2013

 

 

Ghazal Shahrestaani - Tabriz / Iran


Quale pensi siala più grande di tutte le virtù?

 

Direi la gratitudine. La gratitudine è una pienezza di cuore che ci libera dalle paure e dalle limitazioni e ci rende consapevoli dell'Amore che abbiamo dentro. Quando siamo realmente e onestamente capacidi sentire questa gratitudine, la nostra attenzione si concentra sull’attimo presente, là dove i miracoli possono accadere. Tanto più profonda sarà la nostra gratitudine, tanto più la percepiremo dentro l'anima, e il flusso della nostra vita sarà ancor più in armonia con il grande potere creativo dell'universo.

 


 

Sandro Karalis - Salonicco / Grecia


Che cosa significa "risvegliarsi"?

 

Il “risveglio” è uno stato inesauribile di energia mentale e spirituale. L’interpretazione del termine si spiega nella cessazione di ogni separazione o divisione all'interno della nostra persona, intesa come un modo integrale, completo e privo di dualità di percepirele cose. Quando sperimentiamo la realizzazione finale, percepiamo sempre meno la separazione tra il mondo e l'Assoluto. Rimane solo uno stato di creatività ininterrotta nel quale siamo profondamente consapevoli del fatto che l'universo continuamente ci invia segnali, come lo possono essere gli eventi sincronizzati, che ci portano a vivere pienamente il nostro più importane scopo nella vita.

 


 

Herman Roos - Amersfoort / Paesi Bassi


Il tempo esiste o è solo un'illusione?

 

Il tempo non esiste, noi lo costruiamo, lo attraversiamo e ne siamo prigionieri. Il tempo esiste solo attraverso l'identificazione che noi gli diamo e che noi stessi abbiamo creato. Questa identificazione è il prodotto dei nostri ricordi, dei nostri pensieri e di ciò che noi percepiamo come passato. Il passato definisce la nostra paura e le nostre speranze, e, di conseguenza, la nostra visione del futuro. Quando la nostra attenzione è totalmente e intensamente nel presente, sentiamo la realtà della nostra anima, una realtà che non può che essere percepita con il cuore e che mai potrà mai essere capita dalla mente, una realtà che è senza tempo.

 


 

Anthony Lenz - Los Angeles / California


Come possiamo iniziare il nostro cammino spirituale?

 

Il desiderio di trasformazione è il punto di partenza nelle realizzazioni spirituali. Questo desiderio profondo dà luogo a nuove intenzioni, e queste intenzioni a loro volta portano in sé volontà, aspirazioni e una visione molto più alta della vita. Di norma, le cose alle quali dedichiamo più attenzione nella nostra vita si fortificano, mentre quelle alle quali prestiamo poca o nessuna attenzione, si disintegrano nella nostra coscienza. Se le nostre intenzioni sono concentrate verso un esistenza materiale, otterremo questo. Se, invece, abbiamo un profondo desiderio di convergere con la nostra anima, si passeràda una percezione frammentata delle cose a una maggiore consapevolezza dell'Assoluto.