LUGLIO 2010

 

 

Lydia Vandenbalck - Leuven / Belgio

Ci puoi descrivere la tua fede?

 

Primo- suppongo che tutto sia collegato, che tutto sia parte di un unico insieme. Credo che ci sia un ordine che va ben oltre quello che si vede ogni giorno, un' armonia nascosta dietro la nostra realtà sensoriale.
Secondo- sono fiducioso che si possa trovare questa armonia che grazie alla sua forza unica, avrà il potere di liberarci dai nostri ciechi desideri prodotti dagli egoismi. Una forza che ci mostrerà che se vogliamo vivere pienamente la nostra vita, dobbiamo provare interesse per tutte le cose viventi- questa è la forza dell'amore.
Terzo- credo che in tutti noi ci sia una bontà di gran lunga maggiore di quanto possiamo immaginare. Grazie a questa bontà potremmo dare un significato più alto alla nostra esistenza e quindi avere accesso alla realtà nascosta dell'ordine universale.

 


 

Lena Romanova - Auckland / Nuova Zelanda

Da dove proviene questa ricerca di saggezza? E perché hai scelto la letteratura?

 

La ricerca della saggezza è un tema che mi ha sempre interessato. Questa ricerca è anche la mia guida durante i miei viaggi. Da qualche anno, ho cominciato a condividere con gli altri le mie esperienze, su questa ricerca di saggezza, attraverso la scrittura. La letteratura è uno strumento di comunicazione fantastico che mi permette di parlare di argomenti profondi. Cerco di creare ogni volta, per mezzo della mia immaginazione, un mondo con il quale toccare la sensibilità del lettore. La letteratura mi dà l'opportunità di condividere i miei pensieri con le persone in tutto il mondo e permette inoltre, al lettore, di ampliare la sua visione del mondo.

 


 

Sandrine Duperray - Parigi / Francia

Quando parli di un ordine universale, che posto occupa il caso?

 

Caso è il nome dato ad una situazione che si verifica in maniera fortuita. Noi diamo questa definizione a una situazione che ci dà l'impressione che sia successa per caso. La domanda è- sono questi eventi davvero inaspettati o sono il risultato di una serie di circostanze delle quali non siamo veramente consapevoli? Ad esempio, supponiamo che un giorno, noi, ci incontriamo "per caso", potremmo credere che questo incontro sia frutto del caso? O potrebbe essere il risultato di una serie di circostanze? Sapete già la risposta. Ogni evento si verifica dopo una serie di altri eventi. Vi è quindi una continua catena di cause e conseguenze. Possiamo veramente dire, che una situazione è del tutto inaspettata? O è più saggio parlare di situazioni in cui conosciamo le cause e in altre no?

 



Huang Jin - Aia / Paesi Bassi

Come sono nati i tuoi personaggi? Sei ispirato dalla vita reale o dall'immaginazione?

 

Quando scrivo, mi ritrovo in una realtà più grande della realtà quotidiana. Una realtà in cui il conscio e l'inconscio non sono più separati. I miei personaggi e le loro storie sono tutte legate a questa grande realtà. Se sia successo dopo avere incontrato veramente, o no, queste persone, è di poca importanza. Ciò che dovete sapere è che la creazione di ogni personaggio, è legata ad uno o più eventi che si sono verificati, eventi che hanno catturato la mia attenzione facendomi capire intuitivamente che avrei dato loro un posto nelle mie storie. Posso quindi dire che tutti i miei personaggi sono stati ispirati da esperienze personali.

 


 

Cynthia Huaman - Lima / Perù

Come possiamo arricchire le nostre relazioni?

 

Credo sia importante conoscere profondamente il nostro comportamento e le nostre motivazioni. Noto ancora che viene speso poco tempo per questo, la superficialità è una caratteristica del nostro tempo. E questo, naturalmente, viene messo in evidenza nelle nostre conversazioni e relazioni. Diversi motivi possono essere imputati, ma la routine è probabilmente una delle cause più importanti. Quando siamo soddisfatti di una vita monotona, sviluppiamo un atteggiamento di regressione, un comportamento che rende le nostre relazioni superficiali. Si potrebbe quindi cominciare mostrando una maggiore ambizione. L'ambizione apre gli occhi a nuove possibilità. Potremo così avere uno scambio di idee attraverso le quali incoraggiare gli altri ad aprirsi a nuove opportunità. Le nostre relazioni, in questo modo, assumerebbero più valore e saremo indotti a non adagiarci nella piccola realtà che già risapiamo.

 



Helena Campos - Valencia / Spagna

Il destino è uno dei tuoi temi principali. Come si fa a definirlo? Pensi che tutti noi abbiamo una missione?

 

Quando parlo di destino personale, intendo un destino unico per ognuno di noi. Sono assolutamente convinto che ognuno di noi ha delle qualità molto particolari e una sensibilità unica, pertanto tutti abbiamo le capacità per creare qualcosa di eccezionale. La ricerca del nostro destino è chiaramente un percorso diverso per ognuno di noi. Un sentiero sul quale dobbiamo imparare a sviluppare appieno le nostre capacità innate che ci porteranno alla nostra vera unicità. Così potremo imparare ad apprezzare un'ambizione che darà senso e significato alla nostra vita. E ogni vita, che è caratterizzata da una grande ambizione, è già di per sé una missione.