MARZO 2013

 

 

Edvard Loncar - Trondheim / Norvegia


E’ solo la credenza che mantiene vivo il sentimento di una essenza spirituale, o lo è ancor più un bisogno primitivo dell'uomo per affrontare le difficoltà quotidiane, il futuro e anche la vita dopo la morte?

 

Senza dubbio, ed è anche la forza trainante per il cambiamento, per una trasformazione personale, per la trascendenza a superare se stessi al fine di relazionarci con il Divino, o anche semplicemente per dare al mondo più amore, rispetto, comprensione e tolleranza.

 


 

Jayanti Mahabir - Bangalore / India


Hai un messaggio per i genitori di tutto il mondo?

 

Il mio messaggio è di essere pienamente consapevoli, in ogni istante, che i bambini affidati a noi sono doni straordinari. Che con l'unicità del loro essere ci aiutano ad approfondire e ad accelerare la nostra formazione, migliorando così la nostra evoluzione personale. I bambini sono per noi luce interiore e perle di saggezza. Abbiamo il dovere di trattare questi futuri adulti con il rispetto e l'amore che giustamente meritano.

 


 

Detto Thabet - Gizeh / Egitto


Da che cosa sono provocati i grandi cambiamenti nella nostra vita?

 

Di solito vengono provocati da un personale bisogno profondo di cambiamento, che in genere è legato a una serie di eventi che provocano una crisi che sconvolge notevolmente la nostra vita. Potrebbe essere un’ improvvisa malattia grave, la rottura di un relazione, la perdita di una persona cara, lo sradicamento da una professione, o molto semplicemente, un incontro con una persona di grande saggezza e peso. Spesso a questi cambiamenti seguono stati di grande preoccupazione e sofferenza, ed è proprio durante queste prove dolorose che nascono dubbi e sorgono domande. Quindi, sarà l'impatto che tali eventi avranno su di noi, che ci aiuterà a prendere coscienza dei cambiamenti necessari a dare un senso nuovo e più grande alla nostra vita.

 


 

Tynek Cervenka - Liberec / Repubblica Ceca


Quando dici che tutti noi, ad un certo punto della nostra vita, siamo vittime innocenti, è come dire che, di conseguenza, nessuno può essere considerato colpevole. Come consideri la responsabilità e la giustizia?

 

Ogni azione è un atto che riflette la fase di coscienza attuale di una persona in relazione alla corrente di informazioni alla quali essa accede. Designare la colpa delle cose a qualcos’altro che non sia l’ignoranza stessa di chi l’ha causata, non è altro che un altro atto di ignoranza.